martedì 30 novembre 2010

Il muro ha retto... la mia Maratona di Firenze.

Passati 2 giorni si vede tutto con maggior distacco,anche perché il mio stato d’animo mi faceva sembrare ai più ridicolo quindi meglio rimettere tutto nel giusto contesto.
E’ stata la mia sesta maratona,la più dura da un punto di vista meteorologico,decisa il 15 Novembre,ultimo giorno utile,perché tra Carpi e la Milano-Pavia avevo corso 3 lunghi e volevo dargli un senso.
Accompagnato da mio padre,che vedrà 2 gare all’anno ma Firenze non se la vuole mai perdere,ci siamo goduti un bèlla giornata Sabato,sole,niente vento,viaggio tranquillo,giro all’expò per ritirare il pettorale e vedere se trovo qualche faccia amica del blog (tentativo a vuoto..),poi l’incontro con i ragazzi del forum al Cafè Dogali,alcuni già conosciuti,altri al primo incontro,dirò una cosa scontata ma sono sempre incontri piacevoli,magari c’è una punta di imbarazzo iniziale ma poi il ghiaccio si scioglie e quando si torna dietro al computer l’entusiasmo di mantenere in contatti è sempre più alto.
Tutto talmente perfetto,”liscio” e tranquillo che quando mi alzo la Domenica sembra essere un altro mondo. La sveglia che suona molto presto come mia tradizione,fuori già piove abbondantemente e vedo dalla finestra quèlli x cui il Sabato sera deve ancora finire..
I miei tempi alla toilette prima di una maratona sono biblici,arrivo in zona navette sul filo dopo una camminata molto svelta di oltre 3km,in tempo per perdere l’ultimo bus disponibile,assistere a qualche accenno di rissa e capire che si andrà su a piedi,sotto al diluvio e con un filo d’ansia perché piedi e calze sono inzuppati,ho paura delle vesciche,e poi non riuscendo ad alimentarmi pre e/o durante la gara mi sento sempre sul filo,non voglio sprecare mai nulla di superfluo,invece metterò in cascina 5-6km e devo ancora correre una maratona..
In Piazzale Michelangelo non recupero nessun volto amico,il diluvio non aiuta,lo stand del gruppo Maiano capirò che non l’ha riconosciuto nessuno.. mi ritaglio uno spazio di tempo per asciugarmi i piedi con il giubbotto che più tardi butterò ma è un tentativo ridicolo ormai,entro in griglia,ringrazio il cielo d’aver addosso qualcosa da buttare perché la gente intorno a me non è che soffre il freddo,tremano che sembra di essere in Siberia.. quando mi tolgo la quotatissima tuta da imbianchino e rimango in tenuta da gara mi arrivano una serie di folate di vento da ritornare alla svelta sui propri passi,lo speaker annuncia una partenza che non arriva mai,le esigenze tv la fanno slittare di qualche minuto che sembra infinito,non so a che ora partiamo ma finalmente si và,i palloncini delle 3h30’ sotto tiro a poche centinaia di metri..
Io quèl buco non lo chiuderò mai per tutta la gara,sono sempre lì sotto tiro,non troppo distanti ma neanche abbastanza vicini,un tiramolla che gestisco prima con la calma di chi sa che la gara è lunga e strada facendo con maggior nervosismo per non riuscire a cambiare passo come altre volte,perché a livello di sensazioni ci sono state giornate migliori e il nuovo percorso,che dovrebbe essere più veloce,mi sembra più ricco di fastidiosi sottopassaggi e ondulazioni,mentre nei larghi viali ci troviamo esposti a freddo e vento..
Incrocio mio padre vicino al Ponte alla Vittoria “parlavo con una ragazza di Rimini che aspettava il suo moroso che sarà passato mezz’ora dopo di te.. bé sai ci sono persone che lo fanno così,amatorialmente” “no perché mi pagano per correre è vecchio?!?!?”.. al di là di tutto,è bèllo sentirlo orgoglioso..
Intorno al 20esimo la vista di Barbara,futura moglie di Roby un amico del forum,che fa un gran tifo,mi incita,urla il mio nome,mi ridà un po’ di entusiasmo anche se non recupero quèi maledetti palloncini,anche se passo alla mezza con un 1h44’ troppo alto,anche se non sono brillante,cerco di tener botta,come dice Giancarlo,con i miei “quasi 80kg”,rispondo a vento e freddo..
Rimango in media per scendere sotto le 3h30’ fino al 37esimo,si rompe un angolo del pettorale bagnato all’ennesima folata di vento,perdo la spilla,cerco di rammendare il tutto ma ci metto una vita,dopo un km a testa bassa sento qualche capogiro,guardo il cronometro e sono “fuori”,ho un ultimo sussulto,rimango attaccato con le unghie e con i denti al mio obbiettivo fino al 38esimo ma ormai la luce si è spenta,la festa è finita,la mia testa cerca di ribellarsi ma le gambe non rispondono,anzi sono i muscoli a ballare adesso,sono a mezzo centimetro dai crampi,ormai ho chiuso.. Trotterello imbarcando secondi per le vie dello splendido centro fiorentino,mi spiace non godermi a pieno l’ambientazione,il calore della gente,ma voglio chiudere alla svelta,sono stanco di acqua,freddo e vento.. Sono ancora in tempo per l’ultima figura da pirla,tappeto rosso,accenno a qualche gesto di esultanza per ricambiare il tifo,perché comunque è un’altra maratona corsa,mi partono i crampi e mi tocca correre sulle punte,ridicolo..
Tagliato il traguardo,con la medaglia al collo,un po’ emozionato,non capisco se per la sesta perla o se per l’obbiettivo svanito,non riesco a godermi il miglioramento di 17’ dal mio precedente personale,testa strana quèlla di noi maratoneti..
Per fortuna ho l’assistenza di mio padre dopo l’arrivo,tra acqua e vento ormai il freddo mi è entrato nelle ossa,riesco a scambiare un saluto con Karim e poi rientro in hotel che qualcuno deve aver spostato di diversi km nel frattempo..

Il viaggio di ritorno è ancora più complicato della maratona,3 ore nette per fare Firenze Signa-Firenze nord,tanta neve tra appennini ed Emilia che per fortuna si placa con il passare delle ore.. Approfitto dell’autista per riprendere in mano il telefono,nel frattempo le mani hanno ritrovato la loro sensibilità,commento la mia gara con pacato entusiasmo ma per fortuna ci sono gli amici a dare il giusto peso alle cose e a farmi tornare il sorriso.. leggo un bèll’sms,poche ore prima del via “se corri con il sorriso,solo come tu sai fare,sono sicura che sarà una grande maratona”.. forse è quèllo che mi è mancato Domenica,il sorriso,troppo intento ad acciuffare le 3h30’ e poco a godermi gara ed emozioni,me ne accorgerò in foto..

Ci vediamo a Pisa,correrò in infradito senza obbiettivi come anticipato,questa volta,però,con il sorriso..

53 commenti:

Lucky ha detto...

Beh in queste condizioni non puoi che essere contento! In situazioni normali il tempo scendeva alla grande e ora hai la consapevolezza di valere ben sotto i 3.30 ...

A questo punto però non abbassare la guardia e vai a prenderti il meritato tempo, alla prox mara!

mjaVale ha detto...

ecco, vedi? mi sembri un pò me alla mezza di Palmanova: un buon risultato, ma che lascia un pò l'amaro in bocca perchè non corrisponde a quello voluto...
invece 17 MINUTI SONO UNA GRANDE CONQUISTA, guarda solo quelli!
complimenti Andrea, ci si vede a Pisa :-)

er Moro ha detto...

sembrava di correrti a fianco nel tuo racconto, sarà perchè l'ho fatta 3 volte ed ancora nn sono riuscito a scendere sotto le 3h 30'?!? mi sa!!!
rigurado il non godersi la gara mi fai pensare che anche io, da qnd mi sono fissato con qst maledette 3h 30' non mi diverto +!!! ed è sbagliato, come dici te, lo so! ma pure tu l'hai detto: "testa strana quèlla di noi maratoneti.." .. va benone così, con quel meteo è come se l'avessi abbattuto quel maledetto muro!

Ale57 ha detto...

Diciassetteminuti..... hai provato a scriverlo così? Vedi quanti sono?
Sei un Grande, un maledetto testone, un signor "maratoneta". Complimenti!!!!

teo ha detto...

Per me 6 un grande...ops un grande maratoneta...forse un filo troppo umile se mi posso permettere:-)))ciaoooo

Karim ha detto...

Ciao Insane, ormai abbiamo detto tutto di quella maledetta domenica: non poteva essere peggio, ma poteva andare peggio, e tu ne sei uscito alla grande nonostante il finale sofferto. Ciao!

nino ha detto...

peggio di cosi, a livello metereologico, non potevaandare.
e pensare che ci avevo fatto un pensierino.
complimenti

GIAN CARLO ha detto...

Sei perfetto.
17 minuti tantissimi.
Il corpo ha memoria storica, togliere di + era difficile tant'è che io pensavo facessi peggio.
Alla prossima (Roma ??) il muro cade ... Er Moro invece non ce la farà mai ...ahh ahhh ahhha hahh

Patty ha detto...

comunque il terminare una Maratona deve farti essere orgoglioso e l'hai capito da solo.....meglio guardare meno il crono e sorridere al vento :-)))

insane ha detto...

*Lucky: non so se scendeva,speriamo,comunque..Grazie!
*Vale: ci vediamo a Pisa,guarderò quèi 17 minuti con orgoglio.. ;)
*Moro: toccherà batterlo insieme 'sto 3h30',mi ripeto.. ;)
*Ale: Grazie! neve permettendo la pizzata bresciana mi tenta.. ;)
*Teo: grazie!fin troppo gentile..x il resto son fatto così,carattere.. ;)
*Karim: se penso al post ho ancora i brividi.. ;) Ce l'abbiam fatta!
*nino: poteva nevicare,visto il giorno..
*Janco: Roma è una seria candidata..
*Patty: hai ragione ma,a volte,ci impuntiamo noi testoni..

theyogi ha detto...

probabilmente te lo diranno in molti: con la giornata giusta ci stavi dentro alla grande nelle 3'30... a PI sarà ancora pb, già lo sappiamo! ;)

Tosto ha detto...

non riesco a capire se è più duro il muro delle 3h30' o la tua testa!!!!
hai abbattuto il tuo personale di 17' è tantissimo devi star contento senza se e senza ma ... al muro ci pensi un altra volta :)

MauroB2R ha detto...

Ero strasicuro che fossi al settimo cielo x la tua gara e invece...cmq è un ottimo risultato e per il futuro puoi stare tranquillo, il mure delle 3e30 crollerà...

insane ha detto...

Yogi: lasciamo stare,cosa vuoi fare a Pisa??? corriamo insieme..

Tosto: per ora il muro,ha vinto lui e io mi son fatto male alla testa.. :D

web runner ha detto...

Ti faccio i complimenti da "padrone di casa"... che però come tutti si è scontrato con condizioni limite, e come tanti è rimbalzato sul suo personale muro.
Lo riaffronteremo, goditi questi 17minuti intanto che sono un'infinità.
Stefano

insane ha detto...

Mauro: stesso discorso fatto con "er Moro",lo butteremo giù insieme,faremo la cumpa dei 3h30'..
Scherzi a parte,più passa il tempo e ti dico che non sono nemmeno così triste credimi..

insane ha detto...

web: ecco chi mi mancava all'appello.. COMPLIMENTI! under 3h05' stica.... vado a leggere bene la tua esperienza,avete una città splendida,lo ripeto ogni volta.. ;)

KayakRunner ha detto...

Intanto complimenti per il bellissimo resoconto, mi ha fatto venire la pelle d'oca a leggerlo! E' normale che appena terminata una gara ti resti sempre un pò di delusione perchè hai la sensazione che avresti potuto dare qualcosa in più. A mente fredda invece riesci anche a trovare i lati positivi della gara e l'aver migliorato di 17' il tuo PB è un grandissimo successo!

theyogi ha detto...

a 5'10/km nemmeno ti ci scaldi più, oramai.... ;)

arirun ha detto...

Secondo me è da dopati un miglioramento di 17' a questo punto le tue quotazioni alla snai sono in netto rialzo e una scomessa sulla prossima maratona sotto le 3h30'la danno quasi scontata..certo che se dovevi pure montare le catene diventava un mezzo ironman altro che maratona!!

insane ha detto...

Kayak: grazie! sei fin troppo gentile.. Sei a Reggio con Domenico?

Yogi: in infradito 5'10/km è un tempone..

Arirun: ho mangiato la pasta 3 volte,tentato con un gel ma abdicato alla svelta il tentativo.. ;)
Gomme da neve,gomme da neve.. :D

Demis ha detto...

Complimenti...17 minuti sotto!!! Hai di che essere contento, alla prossima cadrà il muro! Ciao

insane ha detto...

Speriamo Demis..grazie!

fathersnake ha detto...

Ipotesi: avevi in testa il muro da battere e non hai corso con naturalezza. In più le condizioni metereologiche ambientale lo hanno all'apparenza reso ancor più alto. Sei partito con un fardello pesante.
Questo non cancella però il miglioramento dei 17 minuti.

Simone e Anita ha detto...

Andrea
Bravissimo
punto
17 sono 17

theyogi ha detto...

ma che bravo, prendi per pure il culo?! ^^

insane ha detto...

father: probabilmente non ho ancora nelle gambe quèl ritmo sui 42km..

Simone&Anita: allora.. GRAZIE! punto.. ;)

Yogi: non mi permetterei mai,figuriamoci poi con te..

..comunque andrebbero invertite le parole "per" e "pure" nel tuo commento,x essere precisi.. (ti prendo x il c**o).. ;))

foia ha detto...

A Pisa il muro delle 3h30' lo sbricioli a colpi di infradito!!!

insane ha detto...

Foia te lo garantisco,faccio la mezza... ;)))

daniele , lo sport secondo me ha detto...

bravissimo ! sei migliorato di ben 17 minuti mica pochi !!!! poi el condizioni meteorologiche erano davvero avverse e complicate ! la maratona è un esperienza !
il mio sogno è di fare una gara come la tua !

Francarun ha detto...

io son sempre dell'avviso, che finire una maratona non è facile, specie con qul tempaccio, hai fatto un miraciolo, comunque un'altra maratona fini è un'altro successo meritato.

insane ha detto...

Daniele: se ce la faccio io,il tuo sogno,è dietro l'angolo.. ;)

Franca: Grazie Frà! hai ragione,una maratona dobbiamo sempre considerarla un piccolo successo.. come stai?

Fatdaddy ha detto...

17' sono un'eternità, il prossimo giro centrerai il duplice obiettivo di sfondare il muro e farlo sorridendo!
Grandissimo!!

KayakRunner ha detto...

Si, io e Domenico saremo a Reggio. Ci sarà anche la Chicca ma solo per fare shopping :-)
Ma non dirmi che hai intenzione di farti un'altra maratone a 2 settimane di Firenze!!

insane ha detto...

Fat: Ci proveremo Fat,GRAZIE!

Kayak: No tranquillo,anche perchè non essendo piattissima x me può essere un problema..
Ma se riesco a liberarmi volevo fare un giro x un saluto.. ;)

theyogi ha detto...

ma ti pare, era scherzoso... ^_^

lello ha detto...

MIGLIORARE DI 17 MINUTI E' DA ESSERE SRAFELICI , E POI CON QUELLECONDIZIONI METEO NON E' FACILE .....

Michele ha detto...

Ciao Andrea, faccio anch'io esordio nel tuo blog per farti i miei complimenti per il risultato di Firenze e per dirti che ti capisco benissimo. Sono rimasto anch'io male quando a Venezia mi ero fissato di vedere il tabellone con un 3 iniziale e non ci sono riuscito. Però mi sono rovinato sia la gara, sia i quindici giorni prima che i quindici giorni dopo. Mi è servito da lezione. Mai più obiettivi di tempo.
P.S.:(facile a dirsi!!!......)

insane ha detto...

lello: hai ragione è che a volte ci intestardiamo.. ;)

Michele: grazie! capirai che non sono uno legato a doppio filo al cronometro anche se dagli ultimi giorni traspare quèllo.. ancora complimenti!

albertozan ha detto...

mi rivedo in tanto di quello che hai scritto....anche a me è mancato il sano divertimento rispetto ad altre volte..ci rifaremo Andrea!!

P.S. : mi rivedo anche in quella coda biblica sulla circonvallazione di Firenze...

insane ha detto...

Alby: sulla coda meglio non rivedersi.. ;) Nella gara,tutto l'insieme ci ha portato ad andare in battaglia più che a correre,ma di conseguenza abbiam perso un pò il gusto di divertirci e poi,finale difficile,tu mezz'ora prima però.. :D

Marco Bucci ha detto...

Caspita... 17 mica 1....!!
Complimenti e vedrai che ti portera' fortuna come numero, perche' sei costretto a migliorarti il prima possibile....
^_^

insane ha detto...

Speriamo di arrivare almeno a 21 Marco... ;)

Anonimo ha detto...

Wow! Grazie! Ho sempre voluto scrivere nel mio sito qualcosa di simile. Posso prendere parte del tuo post sul mio blog?

TylerDurden ha detto...

Cavolo che gara dev'essere stata...Complimenti davvero: -17 sul precedente tempo sono un margine che non può che darti spunti positivi per il futuro.

insane ha detto...

Tyler: vedere che gente più forte di me ha lasciato qualcosa x strada mi fa sperare..

Anonimo: vuoi che una penna illuminata come la mia non si conceda... :P ..ti conoscerò benissimo ma adesso mi sfugge chi sei?!?!?! ;)

Vincenzo DI GENNARO ha detto...

Che dire, un racconto veramente bello, ma + leggo riassunti di maratona, + mi convinco che la mia scelta di non correrla è quella giusta....Cmq tanti complimenti Andrea, sono sicuro che alla prossima occasione andrai sotto le 3h30', è solo da trovare la giornata giusta

insane ha detto...

Vincenzo,NON è obbligatorio correre una maratona e sulla tua decisione hanno a lungo dibattuto in tanti.. mi sono chiamato fuori perchè è difficile spiegare il perchè ne valga la pena,è difficile spiegare sensazioni,sentimenti,emozioni,quando scrivi di certe cose tutto sembra meno importante di quando ti girava x la testa,non riesci mai a far sentire l'effetto,quèl groppo in gola che ti prende anche alla sesta volta e con tempi assolutamente "normali" come i miei..
Secondo me ti manca solo un pò di pazienza x una gara del genere,perchè la potresti correre tranquillamente,il tuo potenziale è ben più alto.. La prima maratona devi buttar via un pò il cronometro,gustarti quèl piccolo senso dell'impresa che stai facendo..
Detto ciò,ci sono tanti che non corrono le maratone anche tra i blogger e sono runner di tutto rispetto anzi,ben più quotati di me che mi trascino x correrle.. ;)
Siamo amatori e se una cosa non ci prende non ha sensa farsela andar bene x forza,buone corse! e grazie... ;)

TuQ ha detto...

Cavoli, mi hai fatto ritornare i brivi per la pioggia e il vento di Firenze... me ne ero quasi dimenticato!!

MaxRunner ha detto...

Complimenti gran bella gara ,il freddo in attesa di partire me lo sento ancora addosso.
A Roma sicuramente otterrai il tuo tempo e anch'io cercherò di battere il più modesto muro delle 4ore.
La gioia di tagliare il traguardo ad una maratona e indossare quella meritatissima medaglia non ha eguali ,io piango sempre.

insane ha detto...

TuQ: il pensiero si fa più distante,però ogni tanto ci ripenso e mi dico "Siamo stati in gamba và là.."
Il tempo rivaluta le cose a volte..

Max: il muro delle 4 ore non l'ho abbattutto troppo tempo fa quindi nuovi traguardi sono più vicini di quanto pensi.. o di quanto ci immaginiamo noi tutti.. ;)

Alberto Bressan "Pasteo" ha detto...

Complimenti Andrea gara dura, difficile e condizioni meteo spaventose!!!Hai ragione che quando si cerca il PB o si vuole correre più veloce possibile spesso si perdono di vista i particolari che rendono uniche le emozioni di una maratona. A pisa col sorriso!!!Sei stato un grande!

insane ha detto...

Grazie! Volevo fare il Pasteo un anno dopo ma mi sono mancati 5 minuti... non una cosa da poco..... ;)